Attenzione! Javascript non abilitato, per visionare questo sito è necessario abilitando, guida su come fare.
Detrazioni IRPEF
giovedì 30 Marzo 2017 - 10:22

Credito per la videosorveglianza: misura percentuale e codice tributo


L’unica via percorribile per usufruirne è quella offerta dai canali telematici dell’Agenzia, Entratel o Fisconline; in caso contrario, il versamento si considera come non eseguito

Lo sconto fiscale, introdotto dalla Stabilità 2016 sotto forma di credito d’imposta per le persone fisiche che, lo scorso anno, hanno sostenuto spese per l’installazione di sistemi di videosorveglianza o di allarme, o per contratti stipulati con istituti di vigilanza, trova tutti gli strumenti per poter essere utilizzato.
Vale a dire, con un provvedimento del 30 marzo 2017, l’Agenzia delle Entrate, dopo aver esaminato le istanze presentate dagli interessati entro il 20 marzo (termine ultimo), ha fissato al 100% dell’importo richiesto la percentuale massima di credito spettante e, con parallela risoluzione n. 42/E, il codice tributo “6874”, da indicare nel modello l’F24 per l’utilizzo in compensazione.
 
Con l’occasione ripercorriamo, in sintesi, l’iter normativo dell’agevolazione pensata e strutturata con lo scopo di venire incontro alla necessità di prevenire le attività criminali.
“Madre” del credito d’imposta, come anticipato, è stata la Stabilità per il 2016 (articolo 1, comma 982, legge 208/2015), seguita dal propedeutico decreto attuativo del 6 dicembre scorso (vedi “Bonus per la sicurezza “privata”: ufficiale come ottenerlo e sfruttarlo”). Nell’ordine, poi, sono arrivati il modello di richiesta (provvedimento del 14 febbraio scorso) e, dopo pochi giorni, il software per trasmetterlo on line.
 
Oltre a comunicare la percentuale massima di credito spettante a ciascun richiedente, il provvedimento di oggi fornisce indicazioni sulle modalità di utilizzo del bonus, ricordando che l’unica via percorribile per usufruirne è quella offerta dai canali telematici dell’Agenzia (Entratel o Fisconline); in caso contrario, il versamento si considera come non eseguito.
In alternativa, il contribuente persona fisica non titolare di redditi d’impresa o di lavoro autonomo può utilizzare il credito spettante in diminuzione delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi.
 
Le “dritte” su come compilare il modello di pagamento unificato, invece, sono dettate dalla risoluzione 42/2017, che ha istituito la “griffe” del credito, cioè il codice tributo che lo identifica inequivocabilmente: “6874” andrà riportato in corrispondenza dell’ammontare indicato nella colonna “importi a credito compensati” della sezione “Erario”, mentre nel campo “anno di riferimento” si dovrà scrivere 2016 (anno di sostenimento della spesa).
Lo stesso codice serve anche in caso di riversamento dell’agevolazione indebitamente fruita; in tale ipotesi, bisogna far riferimento alla colonna “importi a debito versati”.

Fonte: FiscoOggi

News più ricercate

Detrazioni IVA
IVA agevolata al 4%, destinata alla prima casa e alle sue...
venerdì 23 Marzo 2018 - 17:00
Detrazioni IVA
IVA agevolata al 10% per lavori di restauro, risanamento...
venerdì 16 Marzo 2018 - 10:00
Detrazioni IRPEF
Detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi...
giovedì 05 Gennaio 2017 - 18:55




Segui le News pubblicate da Enti Istituzionali per essere aggiornato sulle Agevolazioni Fiscali
Consulta le news di enti istituzionali!
In questa sezione potrai consultare tutte le news relative al settore dell'edilizia, dell'arredamento e dell'immobiliare, pubblicate da Enti Istituzionali. Seleziona la categoria e scegli la news di tuo interesse. Per monitorare una news ti basterà tenere d'occhio la sua data di pubblicazione. Buona consultazione!