Attenzione! Javascript non abilitato, per visionare questo sito è necessario abilitando, guida su come fare.
Edilizia scolastica
giovedì 14 Settembre 2017 - 15:11

Scuole, in Gazzetta Ufficiale lo stanziamento per adeguamento sismico

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 20 luglio 2017 che ripartisce i 26,4 milioni di euro previsti per gli anni 2016-2017 a favore della messa in sicurezza antisismica delle scuole o per la realizzazione di nuovi edifici, fondi stanziati con la Legge 107/2015 detta "sulla Buona scuola". I criteri di spesa dei fondi sono stabiliti nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 ottobre 2015 (dPCM del 12 ottobre 2015).

La quota di competenza regionale e' assegnata alle singole Regioni e alle Province autonome tenendo conto dei differenziati livelli di rischio sismico che caratterizzano i diversi territori.

Quali sono gli interventi finanziabili attraverso lo stanziamento della legge sulla Buona scuola? Gli interventi ammessi al finanziamento sono quelli definiti nell'art. 3 del dPCM del 12 ottobre 2015, ovvero

  • Interventi di  adeguamento  strutturale  e  antisismico  degli edifici scolastici di proprieta' pubblica, la cui necessita'  risulti da verifiche tecniche eseguite in  coerenza  con  le  norme  tecniche riportate nell'ordinanza  del  Presidente  del Consiglio dei ministri  n.  3274  del  20  marzo  2003.
  • Interventi di  adeguamento  strutturale  e  antisismico  degli edifici scolastici di proprieta' pubblica, che, anche in  assenza  di verifiche tecniche eseguite secondo le modalita descritte nell'ordinanza  del  Presidente  del Consiglio dei ministri  n.  3274  del  20  marzo  2003, si riferiscano a opere per  le quali,  da  studi  e  documenti  gia' disponibili alla data di pubblicazione del  decreto,  risulti  accertata  la sussistenza di una condizione di rischio sismico grave e attuale.
  • Costruzione  di  nuovi  edifici  scolastici   di   proprieta' pubblica, nei  casi  in  cui  sia  indispensabile  demolire  quelli esistenti  a  elevato  rischio  sismico sia per i costi eccessivi dell'adeguamento rispetto alla nuova  costruzione che per riconosciute e documentate situazioni di rischio areale, come ad esempio instabilita' di versante e/o pericolo di alluvioni o inondazioni, condizioni che rendono necessaria la costruzione dell'edificio scolastico in un sito diverso da quello attuale.

Cosa non è consentito finanziare con i fondi della Legge 107/2015:

  • Interventi  su  edifici  scolastici   di proprieta' pubblica già finanziati  con  altri  fondi  nazionali  e comunitari,  fatta  eccezione  per  quelli finanziati per altre finalità.
  • Interventi su edifici a destinazione mista (scolastica-abitativa, scolastica-commerciale), a meno che per questi ultimi non sia preventivamente garantita, con  altri  fondi, la copertura della spesa dell'intervento sulle parti relative alle altre destinazioni.

La regione a cui è riservata la quota più alta della ripartizione del finanziamento è la Campania alla quale sono stati assegnati di 4,5 milioni di euro, subito sotto troviamo la Sicilia con 3,9 milioni di euro e il Lazio con 2,8 milioni. La Valle d’Aosta e la Provincia Autonoma di Trento non hanno beneficiato dello stanziamento.

 

Fonte: Gazzetta Ufficiale

 

News più ricercate

Detrazioni IVA
IVA agevolata al 4%, destinata alla prima casa e alle sue...
venerdì 23 Marzo 2018 - 17:00
Detrazioni IVA
IVA agevolata al 10% per lavori di restauro, risanamento...
venerdì 16 Marzo 2018 - 10:00
Detrazioni IRPEF
Detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi...
giovedì 05 Gennaio 2017 - 18:55




Segui le News pubblicate da Enti Istituzionali per essere aggiornato sulle Agevolazioni Fiscali
Consulta le news di enti istituzionali!
In questa sezione potrai consultare tutte le news relative al settore dell'edilizia, dell'arredamento e dell'immobiliare, pubblicate da Enti Istituzionali. Seleziona la categoria e scegli la news di tuo interesse. Per monitorare una news ti basterà tenere d'occhio la sua data di pubblicazione. Buona consultazione!